SPIP  è un CMS sotto licenza GNU-GPL. E’ l’acronimo di Système de Publication Pour l’Internet Participative. Il suo nome deriva dall’amico di Spirou, personaggio dei fumetti, ovvero lo scoiattolo Spip. Il logo di SPIP raffigura infatti uno scoiattolo.

Questo CMS è basato su LAMP e permette, grazie alla sua semplicità, a chiunque di potersi interfacciare con questo sistema.

In origine questo CMS era utilizzato per lo più da redazioni online ma successivamente, grazie alla sua modularità e facilità, è iniziata la sua diffusione in diversi ambiti.

SPIP è scaricabile da questo link in 3 modalità:

  • Versione FULL
  • Installazione automatica
  • Versione di sviluppo

In questa guida verrà utilizzata la versione con installazione automatica. Basterà scaricarla e caricarla nella cartella di installazione di SPIP. Dopo basterà richiamarla tramite URL dal browser e partirà l’installazione.

Una volta cliccato su “inizia l’installazione” verrà scaricato SPIP in automatico  nella cartella desiderata, evitando così di dover fare download, decompressione e upload.

Si potrà così iniziare ad installare il CMS selezionando la lingua e andando avanti cliccando su “AVANTI”

Nel primo passaggio verranno richiesti i dati di connessione del DB, bisognerà quindi inserire nome utente e password del DB.

Verrà poi chiesto il DB di destinazione e il prefix delle tabelle. Una volta fatta questa scelta si può andare avanti.

Nel passaggio successivo vengono richiesti i dati relativi l’autore principale del sito, quindi nome utente e mail. Poi vengono richiesti i dati di accesso admin.

Vengono quindi installate delle estensioni di default del CMS al termine dell’operazione.

SPIP è quindi stato installato correttamente.